ANCHE LAMBORGHINI PENSA ALLA LE MANS HYPERCAR NELLA LMDh.

Un altro brand del colosso VW potrebbe lanciarsi nella sempre più folta mischia della Le Mans Hypercar: Lamborghini.

La Casa italiana andrebbe a far compagnia a Ferrari (LMH), Toyota (LMH), Peugeot (LMH), Audi (LMDh), Porsche (LMDh), Honda/Acura (LMDh) con GM che a breve prenderà un decisione in merito (la casa americana ha preso un mese per riflettere sui futuri programmi racing di Cadillac e Corvette.

Lamborghini, tuttavia, avrebbe un approccio differente rispetto alle altre Case che entreranno con team ufficiali o factory backed (quindi strutture private ma supportate dalla casa a livello tecnico e finanziario).

Per il Toro, che ambisce alla classe LMDh all’interno della Le Mans Hypercar, l’impegno sarebbe “solo” a livello di customer racing, quindi vetture vendute ai team privati con l’intenzione di partecipare all’IMSA americano o al mondiale WEC (da capire anche altri campionati decideranno di usare la piattaforma LMH/LMDh).

La scelta del customer racing è in linea con l’attuale posizione di Lamborghini nel mondo racing che ha, di fatto, solo clienti nella GT3 e nel monomarca Supertrofeo.

Storia di un successo già scritto? Probabilmente si. Tanti sono i team nel mondo che usano la Huracan GT3 nei vari campionati nazionali e internazionali, molti di questi team possiedono budget e esperienza per affrontare anche un impegno di più alto profilo.

Basti per esempio pensare al team belga WRT che domenica scorsa ha corso il GTWC Europe a Monza con ben tre Audi R8 LMS e allo stesso tempo la LMP2 a Barcellona nella European Le Mans Series. Quindi correre in più campionati con vetture diverse non sarebbe certo un problema.

E questo Lamborghini lo sa benissimo! Quando vedremo la loro vettura in pista?

Si parla del 2024.

1 2 3