MOTOGP: ZARCO E KTM VERSO IL (NON CLAMOROSO) DIVORZIO.

“Questa moto ha un telaio di merda”, “non ti impegni, il rookie Oliveira va più forte di te”. Citiamo prima Zarco e poi il gran capo di KTM Racing Pierer. Il matrimonio era nato sotto ben altri auspici dopo la fine dell’avventura con Yamaha del promettente francese che sentiva di poter dimostrare tutto il suo valore con la Casa austriaca che, dal canto suo,

cercava un top rider proprio per cerare la definitiva affermazione. Oggi possiamo dire che questo non è successo e infatti secondo alcuni indiscrezioni Zarco avrebbe chiesto il recesso anticipato del contratto con Pierer per nulla contrario in merito.

KTM potrebbe, in caso di divorzio immediato, mettere in pista il collaudatore Kallio con Zarco appiedato mentre per il 2020 con l’addio anticipato dell’ex campione del mondo Moto2 si libererebbe una sella ufficiale, anche se non certo ambitissima.

Mentre dove vedremo il francese? In MotoGP (difficile) o in WSBK con la Honda-HRC pronta a mettere sul piatto non solo una moto competitiva ma anche un ingaggio importante pur di avere un top rider? Lo scopriremo quando le parti si separeranno in maniera ufficiale.

Concludiamo con il sarcastico commento di Pierer in merito alla faccenda: “io penso che Zarco abbia una specie di esaurimento nervoso”.