MOTOGP: PER ALEX MARQUEZ UN SOLO ANNO DI CONTRATTO.

Secondo alcuni Marc Marquez avrebbe fatto pressioni alla Honda per ingaggiare suo fratello Alex, nulla di più falso. Se da un lato Marc ha, ovviamente, fatto il nome di Alex questo non vuol dire che abbia fatto pressioni, la verità la spiega ai microfoni di SKY Lucio Cecchinello raccontando che Alex sarebbe dovuto andare nella sua struttura per diventare compagno di squadra di Crutchlow con Nakagami inserito nel team HRC, il trasferimento è saltato per questioni di sponsor.

Infatti il team LCR, come tutte le strutture private, vive di sponsor legati ai piloti oltre che al team stesso e il budget legato alla presenza di Nakagami è fondamentale. Alex Marquez non avrebbe garantito lo stesso budget ne in maniera diretta, ne in maniera indiretta quindi HRC, che aveva già intenzione di ingaggiare il fratello minor di Marc, ha dovuto inserirlo nel team interno anche se garantendo un solo anno di contratto. Team interno, lo ricordiamo, che si è trovato orfano di Lorenzo.

Una situazione simile al team LCR la vive il team Avintia Ducati. Ducati Corse vorrebbe ingaggiare Zarco per poi farlo correre con Avintia ma il team spagnolo non può rinunciare al budget garantito da Rabat e Abraham, due piloti “fortemente” paganti quindi l’operazione è a rischio.

Da ricordare che Alex Marquez era già stato scartato da Yamaha perchè fratello di Marc (motivazione assurda, al limite di una storia raccontata su Topolino, ma reale) quindi quale strada rimaneva da percorrere per il 2 volte campione del mondo che comunque meritava una chance avendo vinto in Moto2 al pari di piloti come Bagnaia, Morbidelli, Bradl, Pol Espargaro?

Solo la Honda e la Honda ha solo due team: o HRC o LCR.