DUCATI V4R: MOTORE MOSTRUOSO, MA ATTENTI ALLA MANUTENZIONE!

Qualche giorno fa, in occasione del test della Panigale V4S, abbiamo parlato con alcuni tecnici Ducati della V4R andando ad analizzare il suo punto forte, ovvero il mostruoso motore da 221 cavalli a oltre 15.000 con zona rossa oltre i 16.000. Ecco cosa ci hanno detto.

“il motore deriva da quello della GP15 usato in MotoGP, ovviamente è stato modificato per essere adattato all’uso stradale e a intervalli di manutenzione più estesi e meno costosi. Il motore della V4R deriva da quello della V4/V4S che a sua volta deriva appunto dalla GP15, in questo caso però la cilindrata è 998 per questioni regolamentari.

Gli alberi a camme hanno un profilo nettamente più spinto rispetto al motore 1.100 usato nel V4/V4S.

Il pistone forgiato è di tipo monofascia mentre bielle e valvole sono in titanio. L’albero motore pesa solamente 1.1kg, tutto questo per permettere al motore di superare i 16.000 giri.

Il propulsore della V4R, nonostante valori estremi è robusto, sicuramente però necessità di una manutenzione più frequente rispetto al fratello di 1.100cc che equipaggia le V4/V4S.

In questo caso io consiglio al proprietario di stringere i tempi tra un cambio d’olio e l’altro, in particolare se si usa la moto in pista. Anche in caso di uso di “montagna” consiglio di cambiare l’olio ogni 4.000/5.000km. Si tratta di una spesa contenuta che allunga la vita del motore.

Un altro consiglio è quello, se si va in pista, di usare lo scarico completo racing che permette al motore di respirare meglio e di abbassare le temperature. L’impianto oltre a migliorare il sound (identico a quello di una GP) e la prestazione aumenta anche la vita del motore.

Come tutti i Ducati serie R anche il V4R va usato in pista, è quello il suo habitat naturale”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *