DUCATI PERMETTERA’ ANCORA A LORENZO DI LOTTARE PER LA VITTORIA?

Far andare più forte una moto da corsa è difficile, al contrario farla andare più piano è decisamente più facile ed è già successo anche nella storia recente della MotoGP. Quando un pilota è in uscita dal team spesso e volentieri le sue prestazioni “misteriosamente” vanno a peggiorare.

Come tutti gli sport professionisti di alto profilo anche la MotoGP è vittima della politica e degli interessi economici, nulla di strano quindi…Chiedere a Irvine quando lottava con la Ferrari per il titolo, ricordate l’episodio della gomma che non si trovava durante il pit stop?

Dopo la vittoria del Mugello la Ducati, sapendo che Jorge andrà a far coppia con Marquez, lo metterà ancora in condizione di lottare per la vittoria oppure ad un certo punto della stagione smetterà di dare allo spagnolo le ultime evoluzioni della GP18 per confinarlo ormai ad un ruolo marginale all’interno del team?

Se lo chiediamo ai vertici di Ducati (gli stessi che dissero dopo il Mugello che la trattativa con Jorge era ancora aperta quando in realtà Petrucci aveva già firmato) non cambierà nulla ma il dubbio tuttavia rimane perchè in effetti sarebbe un po pericoloso per l’immagine dell’azienda aver scelto di mandare via il pilota che batte l’uomo che hai deciso di confermare, sarebbe un po un autogol che minerebbe il potere decisionale di Domenicali, Tardozzi, Ciabatti e Dall’Igna agli occhi dei vertici Audi.