DA BIAGGI A STONER A MARQUEZ…GLI “ATTACCHI” MEDIATICI NON SONO CASUALI, MA BEN PRECISI.

stoner piega!Max Biaggi o Casey Stoner o Marc Marquez non fa differenza, puntualmente gli attacchi mediatici colpiscono sempre e solamente determinati piloti.

Possibile che Max, Casey e Marc siano antipatici in egual maniera a turni diversi? Sembra inverosimile amici lettori.

Max Biaggi è stato un pilota italiano tra i più forti della storia del motociclismo, ha corso in tutte le classi (tranne che in 125GP) vincendo praticamente ovunque, compresa la WSBK.

Casey Stoner è stato un pilota australiano, il più talentuoso della storia dopo Mike Hailwood. Campione del mondo MotoGP nel 2007 su Ducati e nel 2011 con Honda. E’ stato il pilota più vincente della storia delle 800GP.

Marc Marquez, 4 titoli iridati a soli 22 anni. E’ nato in Spagna, talento sovraumano, il futuro della MotoGP, ragazzo simpatico e spigliato, un racer puro che arriva dalla vecchia scuola.

Come è possibile che piloti tanto diversi tra loro per stile, età e nazionalità siano sempre e dico sempre considerati “antipatici” dai media?

Perchè i media si sono tanto spesso accaniti contro di loro? Non sembra esserci in realtà alcuna spiegazione logica…Infatti una logica non c’è amici lettori. E’ successo e basta.

Tra gli “antipatici” metto anche Jorge Lorenzo (4 titoli) e Sete Gibernau. I due spagnoli tra di loro sono completamenti con Jorge introverso e Sete più estroverso, anche il talento è differente e pende dalla parte di Jorge, uno dei più forti di sempre. Jorge inoltre è anche mentalmente più solido rispetto all’ex pilota di Gresini.

Perchè anche loro sono antipatici per i media? Perchè sono stati trattati male nel presente e nel passato come Max, Marc e Casey? Francamente non si capisce.

Sicuramente è un fenomeno triste che non fa altro che provare a rovinare uno sport bellissimo come il motociclismo. Ed è il fenomeno che ha portato nel nostro mondo i “tifosi ignoranti”.

Eppure gli attacchi mediatici in passato non c’erano, ne consegue una domanda: come mai sono arrivati ora?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *