ESSERE MOTOCICLISTI, PRIMA CHE PILOTI: LAIA SANZ TROVA RENET SVENUTO E LO SOCCORRE, SUCCEDE ALLA DAKAR.

renet husqvarna dakar 2016 0900La Dakar è bella anche perchè è una corsa che non è stata assorbita in maniera irreversibile dai soldi e dalla smania di protagonismo dei personaggi…Alla Dakar conta la corsa, i piloti sono solo protagonisti di passaggio (siamo lontani anni luce dalla MotoGP…): ci sono loro, e dopo di loro ne verranno altri ed ognuno di loro sognerà di vincere e scrivere il proprio nome nella storia di questa corsa/avventura.

Alla Dakar lo spirito della fratellanza insito nel motociclista (ancora prima che nel pilota) vive nonostante gli interessi personali, e questo è assolutamente bellissimo, è quasi romantico amici lettori.

Oggi, durante il 4° stage, il pilota KTM Laia Sanz ha trovato a 27km dall’arrivo (la speciale durava 429km) a terra e privo di sensi il pilota del team Husqvarna-Rockstar Pela Renet. La spagnola si è immediatamente fermata soccorrendo il collega e allertando i soccorsi che sono arrivati pochi istanti dopo.

Le condizioni di Renet, fortunatamente, non sono gravi. L’ufficiale Husqvarna ha riportato un trauma cranico ed una distorsione al collo.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *