DAKAR 2016: TOBY PRICE, IL GIGANTE AUSTRALIANO DURO COME UN PIETRA DI KTM!

dakar 2016 price ktm 98Alla Dakar non si può mai dire (chiedere ai ragazzi delle auto…) ma salvo complicazioni Toby Price dovrebbe portarsi a casa la sua prima Dakar. Ma chi è questo ragazzo che in pochissimi conoscono?

Price, ufficiale KTM dal 2009, ha concluso nel 2015 la Dakar al 3° con all’attivo una vittoria e tanti ottimi piazzamenti, quest’anno ha ricevuto i galloni di capoteam e non ha deluso le aspettative dato che è attualmente 1° con ben 5 vittorie e 23 minuti di vantaggio su Svitko (KTM team satellite).

Alto quasi 190cm pesa circa 90kg vanta una guida molto fisica e quasi esente da errori di navigazione (ora ha 28 anni, da giovane si allenava percorrendo gli immensi deserti australiani sia in gara che in allenamento, ndr). Di lui si dice che abbia un carattere piuttosto rude e diretto…In genere i piloti australiani hanno due caratteristiche comuni:

1) sono tutti velocissimi

2) hanno un carattere rude

Una volta in gara un ramo gli penetrò lo stivale rompendogli sia piede che caviglia, un infortunio del genere avrebbe fermato il più duro di noi…Invece lui pochi giorni dopo ha corso ed ha vinto.

Il ragazzo è un duro (uno di quelli veri).

La KTM nel 2016 lo ha scelto per sostituire l’immenso e leggendario Marc Coma, una scelta che avrebbe reso nervoso il più concentrato dei piloti a causa della pressione…Risultato?

Sta vincendo la Dakar al primo anno da ufficiale.

Come detto prima:

il ragazzo è un duro (uno di quelli veri).

Marco Meli

ps

la pressione psicologica, amici lettori, è la più grande cazzata che sia mai stata inventata sui piloti. I piloti sono pazzi, lamentosi, bugiardi, arroganti…Hanno mille difetti e davvero pochi pregi ma, vi assicuro, non sanno cosa è la pressione psicologica…E’ roba troppo complessa per chi di mestiere rischia la vita a velocità folli in mezzo a cordoli, alberi e muretti…