McGUINNESS AL TT CONFERMA: IL PROSSIMO ANNO ARRIVERA’ LA NUOVA MOTO. (SI MA QUALE?)

mcguiness tt 2016 839922John McGuinness non ha brillato come suo solito al TT quest’anno. Il velocissimo John, ad un passo dal record di TT vinti che appartiene al grandissimo Joey Dunlop, ha concluso al 3° posto sia il Senior TT sia la Superbike dimostrando che il CBR1000RR, solitamente una grande moto per le road race, è ormai arrivato alla fine del suo ciclo vitale.

McGuinness, intervistato, ha annunciato che il prossimo anno correrà con la nuova Honda ma, purtroppo per noi appassionati, non ha specificato il modello!

Come ben sappiamo Honda, a fine anno, presenterà l’erede del CBR1000RR, quello non sappiamo, e che nessuno sa, è l’architettura del motore: sarà un 4 cilindri in linea “classico” o un esotico V4 a 90°?

Honda ha creato e testato tutte e due le moto (potere della Casa più grande del mondo…) ma non ha ancora deciso se venderle tutte e due o una delle due.

Il mercato delle sportive vive ormai di nicchie e vive grazie all’Europa quindi inutile scegliere in base al numero di vendite dato che il dato è comunque molto contenuto, tuttavia il V4 pur costando sicuramente di più paradossalmente sarebbe più vendibile…

Un eventuale V4 in serie limitata andrebbe esaurito praticamente subito (l’ultimo V4 Honda dedicato alla WSBK è stato l’RC45, correva l’anno 1994…) tra collezionisti, appassionati e amanti della pista che la userebbero solo per i track day.

Non ci resta che attendere 2-3 mesi a questo punto e le nostre domande avranno una risposta!

 

TT 2016: DUNLOP RITOCCA IL RECORD SUL GIRO, 215 KM/H DI MEDIA PER MICHEAL!

tt 2016 micheal dunlopIl nipote del mitico Joey Dunlop oltre ad aver ereditato un cognome piuttosto veloce deve aver ereditato anche dei geni particolarmente adatti a correre il TT dell’Isola di Man!

Dopo aver siglato il nuovo record del Mountain durante la gara della Superbike che apriva il TT 2016, Micheal Dunlop ha ritoccato il record durante il Senior TT (che si corre sempre su moto classe superbike) che lo ha invece chiuso mostrando uno stato di forma semplicemente troppo…veloce per gli altri (e gli altri si chiamano John McGuinness…)

La sua BMW S1000RR ha concluso un giro viaggiando a ben 215.142 km/h di media chiudendo la distanza in 16 minuti 53 minuti 929 centesimi. Assolutamente pazzesco se consideriamo che il TT oltre ad aver punti incredibilmente veloci come il rettifilo di Sulby, ha anche punti veramente lenti come tornanti e curve a gomito da percorrere in prima marcia a 40-50km/h.

 

 

 

TT 2016: LE MOTO ELETTRICHE VELOCI (QUASI) COME LA BMW S1000RR…190 DI MEDIA CONTRO 214.

tt zero 2016 ansteyLa recente vittoria al TT Zero (categoria riservata alle moto elettriche) di Bruce Anstey con la Shinden Go (leggasi Honda Shinden Go…Anche se il nome non compare) ci porta a chiederci con serietà via via crescente il seguente quesito:

le moto elettriche andranno più forte di quelle con motore endotermico entro 5-6 anni?

La domanda arriva prepotente dall’Isola di Man perchè Anstey ha vinto alla media di 190km/h, “solo” 25km/h più lento di Dunlop con la potentissima BMW S1000RR (per Micheal Dunlop, 215km/h anche il nuovo record del Mountain).

Attualmente l’unico vero limite delle moto a propulsione elettrica è rappresentato dalle batterie che hanno poca autonomia e,di contro, troppo peso. Anstey ha si girato a 190 di media, ma lo ha fatto per un solo giro (64km). La Shinden Go, a patto di una minore autonomia, sarebbe in grado di girare anche ai 200 di media secondo alcune fonti attendibili, ma lo farebbe per appena 30km, quindi metà di un giro all’Isola di Man.

Con le batterie di futura generazione (la cui data di utilizzo è tuttavia sconosciuta…) la Shinden Go, in via teorica e con un buon pilota, potrebbe anche ottenere il record assoluto all’Isola di Man e aprire una nuova strada tecnica, un concetto di moto che possiamo definire 3.0 (considerato che il 2.0 è arrivato con l’arrivo dell’elettronica che ha cambiato tutto, persino lo stile di guida).

Personalmente sono contrario alle moto sportive a propulsione elettrica perchè il suono è una componente emozionale fondamentale dell’andare in moto, tuttavia la tecnologia della Shinden Go potrebbe tornare utile per costruire scooter elettrici dotati di buone prestazioni ed ottima autonomia da usare in città, tangenziale e autostrada.

 

TT 2016: BRUCE ANSTEY IN GARA CON LA HONDA RC213V-S!

13238914_10153387450787574_9058001278872790197_nA dir poco bellissima! Non esistono altri aggettivi per descrivere la Honda RC213V-S che il team Padgett’s metterà a disposizione del velocissimo Bruce Anstey per il TT dell’Isola di Man edizione 2016.

Anstey la userà per correre le classi Superbike e Senior TT contro Honda CBR1000RR, Suzuki GSX-R 1000, BMW S1000RR, Yamaha R1M e Kawasaki ZX-10R.

La Honda RC213V-S, lo sappiamo, deriva della RCV1000R di classe Open usata qualche anno fa in MotoGP durante una fase di cambiamento regolamentare. E’ molto simile alla RC213V usata da Marquez e Pedrosa salvo che per il motore che è sprovvisto del richiamo pneumatico delle valvole e per il cambio che, per motivi di costi, non è di tipo seamless.

Come si comporterà una moto che deriva da una MotoGP sulle tortuose stradine dell’Isola di Man? Tra una manciata di giorni lo scopriremo!

SPONSOR BY WRS.SM | RACING PARTS

TT 2016: LA SUTER MMX 500 A 2 TEMPI CORRERA’ IL TT 2016, L’ANNUNCIO E’ UFFICIALE!

suter mmx tt 29104 2016Una 2 tempi contro delle potenti e moderne 4 tempi? Il sogno di ogni appassionato che si rispetti! Se poi questa sfida va in scena all’Isola di Man allora il sogno diventa quasi sessuale amici lettori…

Suter ha deciso di accettare la sfida del TT iscrivendo la sua potente MMX 500 a 2 tempi e l’annuncio è ufficiale, non si tratta quindi di rumors atti a far parlar di se per attirare pubblicità!

La MMX verrà iscritta al Senior TT andando a competere contro BMW S1000RR, Honda CBR1000RR, Suzuki GSX-R 1000, Yamaha R1 e Kawasaki ZX-10R, tutte moto di Case presenti in forma più o meno ufficiale con piloti di altissimo livello ed esperienza.

A proposito di piloti Suter dice di essere in contatto con due veterani del TT, piloti che hanno già vinto la classica dell’Isola di Man…Ma il manager svizzero al momento non ha rilasciato alcun nome (escluso si parli di un clamoroso ritorno di Guy Martin dato che lui non ha mai vinto il TT).

La 500 4 cilindri a 2 tempi svizzera (che è in realtà una 580cc…Quindi quasi una 600) vanta circa 195cv, l’iniezione elettronica, l’albero motore controrotante e soli 127kg di peso dichiarati. Si tratta quindi un mezzo decisamente moderno con tecnologia del “passato”.

Sul piano della potenza pura cede qualcosa rispetto alle moderne 1000 4 tempi, ma guadagna in peso ed in agilità. A livello di erogazione, salvo miracoli, le moderne 4 tempi dovrebbero essere avvantaggiate grazie a motori più dolci e progressivi (ricordiamo che il TT, per quanto veloce, si svolge su strade normali).

In definitiva difficilmente vedremo la MMX vincere la classifica assoluta ma sicuramente, se ben condotta, potrà ambire alla top10…Top10 che sarebbe una bella pubblicità dato che, ed ora il viene il bello, Suter ha intenzione di produrre una versione stradale omologala dalla MMX 500 (!).

Scritto da Marco Meli | Seguimi su Facebook, clicca QUI!

 

 

ECCO L’ARAI RX7 GPV IOM TT 2016! “FESTEGGIA” LA PRIMA VITTORIA HONDA NELLA 500 CON HAILWOOD!

arai tt 2016 849505Come di consueto Arai presenta la sua edizione limitata riservata al TT, quest’anno c’è tuttavia una piccola novità! Abbandonato il modello RX7 GP la casa nipponica passa al nuovo RX GPV che vanta diverse novità tecniche, alcune epocali come il nuovo sistema di sgancio visiera tramite le nuove placchette, una nuova (e più pratica) presa dinamica superiore, un nuovo sistema per il bloccaggio della visiera derivato dall’esperienza auto dove gli standard di omologazioni riguardo questo particolare sono molto alti.

Il designer italiano Drudi dopo il blu/bianco/rosso/oro della passata edizione riscopre un design classico con le due T in bella mostra e la consueta bandiera a scacchi come base. I colori scelti sono quelli tipicamente nipponici del bianco/rosso/nero ed il motivo, seppur nascosto, è scritto nella storia del TT.

Infatti nel 1966, quindi 50 anni fa, la Honda otteneva la prima vittoria al TT nella classe 500 con il mitico Mike Hailwood! Il tondo rosso con la triscele nel mezzo ricorda in maniera netta la bandiera nipponica…

Nel 2013 Drudi disegnò per Arai un TT in giallo/nero, i colori del grande Dunlop. I motivi non furono mai spiegati del tutto salvo poi scoprire che nel 1983, quindi 30 anni prima, Dunlop otteneva la prima vittoria al TT classe F1.

CLICCANDO QUI TROVATE LE CARATTERISTICHE TECNICHE DELL’ RX7 GPV TT 2016

COLPO DI SCENA! POLITA CORRERA’ AL TT 2016 CON LA BMW S1000RR!

polita tt 2016 8955Alzi la mano chi si aspettava una notizia del genere amici lettori:

Alex Polita correrà in TT edizione 2016 nelle classi superbike, superstock e senior tt in sella ad una BMW S1000RR.

L’ex campione europeo STK1000 (Suzuki) ed ex pilota nel mondiale WSBK sfiderà le bellissime (e pericolose) strade dell’Isola di Man per la prima volta tra pochi mesi, ecco le sua dichiarazione:

“vado al TT senza traguardi o particolari ambizioni, ma solo con l’idea di fare esperienza, divertirmi e provare nuove emozioni nella guida”.