FERRARI E McLAREN GUARDANO AL WEC CLASSE LMP1…FORMULA 1 SEMPRE MENO INTERESSANTE?

Non è più un segreto amici appassionati, McLaren e Ferrari hanno partecipato alla riunione indetta da FIA e ACO per discutere le regole della classe LMP1 che vedrà la luce tra il 2020 ed il 2021. Il regolamento tecnico, ancora in fase di definizione, dovrebbe abbandonare l’ibrido che ha caratterizzato gli ultimi anni perchè troppo complesso e troppo costo e anche, come abbiamo visto durante l’ultima 24 Ore di Le Mans, anche poco affidabile.

Un fase di ricostruzione totale per la LMP1 che è anche un occasione per diversi costruttori di entrare da protagonisti e stiamo parlando di Ford, Aston Martin, Ferrari e McLaren oltre alla già presente Toyota.

Ford affiderebbe a Multimatic Racing, il suo braccio armato nelle corse e già creatore della Ford GT, il progetto della nuova LMP1 mentre per McLaren e Ferrari non ci sarebbero problemi dato che sono in grado di costruire, sviluppare e gestire in prima persona un programma LMP1, su Aston Martin invece ci sono dei dubbi. AMR (Aston Martin Racing) non ha ne il potenziale tecnico, ne quello economico per un progetto del genere…Tuttavia la sua partnership con RBR (Red Bull Racing) potrebbe ovviare a queste mancanze…(in merito non ci sono ne voci, ne sospetti).

L’ingresso di Ferrari e McLaren porterebbe la classe LMP1 ad un livello mai raggiunto nella storia recente dato che le due Case, mese insieme, rappresentano con ragione la storia della Formula 1. I due nomi sarebbero in grado di catalizzare l’interesse di TV, sponsor e pubblico ad un livello totalmente sconosciuto al WEC oscurando, almeno in parte la Formula 1 che sta vivendo una crisi tecnica e di visibilità che rischia di essere irrecuperabile tra regolamenti impossibili da capire, gare noiose e un dominio Mercedes che a voler pensare male sembra quasi “artificiale” (senza dimenticare la crisi economica di Williams e il salvataggio al limite di Sauber grazie ai motori Ferrari alla collaborazione con Alfa Romeo).

Per McLaren e Ferrari il WEC è una fuga o un alternativa? E’ un arma politica contro l’attuale Liberty Media, una forma di ricatto quindi?

La situazione appare più politica che tecnica (entrambe le Case possono allestire nel giro di 12-18 mesi un programma completo, hanno esperienza, denaro, tecnici e giovani piloti da far crescere…Possono, ma lo faranno?).

APPASSIONATO DI AUTO E MOTORSPORT? SEGUI LA PAGINA THERACEMODE GARAGE CLICCANDO QUI!

  • 53
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

AUTO NEWS: 7.38 AL RING PER LA NUOVA BMW M5 (VIDEO)…IN ATTESA DELLA VERSIONE COMPETITION!

La nuova BMW M5 migliora di ben 16 secondi il proprio primato al Ring staccando lungo le tecniche e pericolose curve del circuito tedesco un interessante 7.38 (7.38.92 per la precisione). Il crono, non ancora confermato, eguaglierebbe il primato della Porsche Panamera Turbo (record realizzato con pilota Porsche al volante) e avvicinerebbe quello non ancora battuto della Giulia Quadrifoglio con una vettura meno potente ma più leggera (7.32 realizzato dal Francia, collaudatore ed ex pilota Alfa Romeo).

Ricordiamo che la nuova BMW M5 vanta 600 cavalli grazie al V8 4.4 biturbo. Il tempo di di 7.38 verrà battuto con tutta probabilità dalla versione con il Competition Package che modifica la vettura a livello di telaio, sospensioni e motore (avrà 625 cavalli).

Ecco il video, clicca QUI

  • 97
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

NUOVA ALFA ROMEO 4C: AVRA’ 300 CAVALLI! CAMBIANO ANCHE SOSPENSIONI E STERZO.

alfa romeo 4c 2017 9Lo ha confermato Roberto Fedeli CTO di Alfa e Maserati alla rivista inglese Autocar: la nuova 4C verrà profondamente rivista per migliorare l’handling e le prestazioni.

Il motore tubo 4 cilindri in linea da 1750cc con basamento in alluminio verrà portato a 300cv per contrastare la nuova Alpine A110 (diretta concorrente della piccola peste del biscione). Il cambio doppiafrizione TCT riceverà un nuovo software di gestione mentre le modifiche più importanti saranno per lo sterzo (arriverà lo sterzo elettrico?) e sospensioni.

Fedeli non ne fa menzione ma sicuramente la nuova 4C avrà anche gomme di dimensioni maggiori. Probabilmente verranno rivisti anche gli interni considerati (con ragione) un po troppo spartani in relazione al costo vettura, mentre non cambierà (e menomale) il telaio in carbonio a vasca progettato da Dallara.

Quando vedremo la nuova mid-engine italiana? Forse a Ginevra nel Marzo 2018. In concessionaria a fine 2018, inizio 2019.

  • 75
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

TCR: GEORGIA | RACE 1, STORICA VITTORIA PER L’ ALFA ROMEO GIULIETTA NEL TURISMO!

alfa romeo giulietta tcr 923904In Georgia, presso l’autodromo Rustavi International Motorpark in condizioni di bagnato, è arrivata la prima storica vittoria dell’ Alfa Romeo Giulietta TCR preparata da Romeo Ferraris grazie al talento di Kajaia che ha preceduto di soli 3 decimi la Seat Leon Cupra TCR di Ficza e il due volte campione TCR, nonchè campione in carica, Stefano Comini che in Georgia debuttava sulla nuovissima Audi RS3 LMS.

Per Alfa si stratta della prima vittoria nel turismo dopo i fasti della 156 nel mondiale WTCC! Da segnalare anche la bella prestazione di Borkovic, sempre su Giulietta, che si è classificato al 9° posto. Prima tra gli italiani (Comini è infatti svizzero) è Colciago su Honda Civic Type-R, 4°.

Ricordiamo che il TCR è una categoria riservata alle vetture a trazione anteriore strettamente derivate dalla serie (le modifiche permesse sono pochissime) con circa 350 cavalli.

  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

GIULIA QUADRIFOGLIO: USARLA E MANTENERLA COSTA OLTRE 21.000 EURO L’ANNO.

alfa romeo giulia 90Quanto costa realmente una vettura? Secondo i meno esperti (ed in generale i più giovani che si approcciano al mondo delle vetture sportive) il costo di una vettura viene definito dal listino. In realtà pensarla così è il modo migliore per acquistare, indebitarsi, parcheggiarla nel box senza carburante, venderla dopo 1 anno sommerso dai debiti.

Quando si acquista un auto ad elevate prestazioni non si acquista solo il bene (l’auto) ma anche i relativi costi per usare la vettura e mantenerla in ordine e spesso questi costi superano o avvicinano di moto il costo della vettura, in particolare se si parla di usato. I costi secondari non sono contenuti nel listino e sono questi a fregarci, quindi sempre meglio analizzarli in maniera preventiva quando si pensa all’acquisto di un auto potente.

Tutto ciò partendo da una base: i costi di gestione ed uso tra una BMW M3 usata di 10 anni fa ed una moderna Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio sono praticamente identici (ammesso che la M3 usata sia in ottime condizioni, altrimenti le spese di manutenzione vi disintegreranno il portafoglio davvero in poco tempo…)

Analizziamo i costi di utilizzo e gestione della Giulia Quadrifoglio, una tra le vetture più ambite del momento.

Il costo di acquisto della vettura base con cambio manuale è di circa 79.000 euro, una cifra assolutamente interessante per una vettura da 510 cavalli, trazione posteriore e motore Ferrari V6. Una cifra che potrebbe spingere un lavoratore dipendente con contratto a tempo indeterminato che guadagna 1900 euro al mese ad “osare” l’acquisto a rate (Alfa Romeo propone finanziamenti e soluzioni di acquisto molto vantaggiose ed anche questo potrebbe solleticare il nostro appetito di cavalli e traversi).

Spendiamo 79.000 euro e ci portiamo a casa la nostra Quadrifoglio.

Ci servono almeno 1.700 per assicurarla quindi andiamo su internet armati di carta di credito e sganciamo 1.700 euro, altrimenti ci sarà impossibile ritirare la nostra Giulia.

Dopo averla ritirata bisogna pagare il superbollo, che nel caso del V6 del Biscione è di circa 5.000 euro (si esatto…5.000!)

Pagata l’assicurazione e pagato il superbollo ci mettiamo al volante e via in giro. Essendo la Giulia una berlina a 4 posti la possiamo considerare quasi una vettura da tutti i giorni, quindi la uso per andare a lavoro, la uso per andare a fare la spesa, la uso per delle gite, la uso per andare in vacanza e la uso per andare in pista almeno 1 volta l’anno e mentre la uso introduco benzina…510 cavalli bevono, eppure tanto…Il carburante costa ed alla fine dell’anno spendo 11.000 solo per sfamare la mia stalla di 510 cavalli modenesi.

Alla fine dell’anno devo fare i conti con altre spese tuttavia. Avendo usato la vettura spesso devo cambiare le gomme, un treno di Pirelli Pzero Corsa mi costa circa 2.000 euro e sulle gomme non si risparmia (mai!). Cambiate le gomme porto il Quadrifoglio dal meccanico per controllare che tutto sia ok e spendo 1500 euro circa tra tagliando obbligatorio e manutenzione ordinaria unita a qualche controllo più approfondito.

Guardo il mio estratto conto annuale e noto che per usare e mantenere in ordine il mio oggetto del desiderio ho speso la bellezza di 21.200 euro (e sono stato ottimista)

NB il calcolo sul carburante è stato fatto nel seguente modo: 30 euro al giorno di media per 365 giorni (ho incluso week end fuori porta, tragitto casa/lavoro, vacanze estive, giornate in pista). Tuttavia questa voce è decisamente variabile e dipende dal vostro stile di vita. Se, come me, lavorate in casa e vivete in un paese con i servizi vicini allora le spese sul carburante verranno tagliate in maniera drastica (circa 3600 euro/anno quindi circa 300 euro al mese), se al contrario abitate in una grande città (Milano piuttosto che Roma) allora le spese relative al carburante potrebbero anche aumentare dato che parliamo di una vettura che facilmente vi porterà a fare i 9/10km al litro anche non spremendola in modo esagerato.

Riguardo le gomme se si va in pista e si fa una giornata piena è meglio cambiarle subito dopo, così come è meglio cambiare le pastiglie dei freni quindi bisogna aggiungere dopo ogni giornata di pista almeno 2500 euro tra gomme, manodopera e pastiglie dei freni.

 

5000 euro superbollo

1500 euro manutenzione ordinaria

2000 euro gomme Pirelli PZero Corsa

1700 euro assicurazione

11.000 euro carburante / anno

Se andiamo in pista 4-5 volte l’anno bisogna aggiungere circa 10.000 euro/anno euro tra gomme, manutenzione (cambio olio, cambio pastiglie dei freni, controlli generali) escludendo le spese per prenotare i turni il cui costo per 4-5 volte si aggira intorno ai 2500 euro euro complessivi.

Quindi usarla in pista ci costerà la bellezza di 12.500 euro extra.

 

  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

WRC: MESSICO, PAZZESCO FINALE! MEEKE FINISCE NEL PARCHEGGIO…RIENTRA…VINCE IL RALLY!

17353317_1276341739118734_7973364002298772857_nIl rally del Messico ha vissuto, probabilmente, uno dei finali più drammatici dal punto di vista emotivo che il motorsport ricordi, un finale che è quasi tragicomico per come si è svolto!

La Citroen C3 WRC di Meeke si invola verso una vittoria praticamente certa quando, a pochi metri dal traguardo, il pilota inglese navigato da Nagle perde il controllo della sua vettura arrivando lungo dentro una radura che è in realtà…un parcheggio riservato a spettatori e addetti ai lavori (siamo infatti in prossimità del traguardo della Speciale).

Meeke sulle prime, ovviamente, appare sorpreso e pensa ad un testa coda per tornare in strada passando li da dove era riuscito, poi consigliato da Nagle cambia idea ed entra dentro il parcheggio facendo lo slalom tra le vetture che come possiamo ben vedere dalla foto sono parcheggiate in maniera casuale e disordinata mentre lo staff Citroen, che sta guardando Meeke attraverso i monitor, ha il cuore in gola temendo di veder sfumare una vittoria ormai certa.

La manovra, rocambolesca, riesce e la Citroen C3 ritrova la via della del traguardo e della vittoria. In questa maniera, decisamente poco ortodossa, arriva la prima vittoria di campionato per la vettura francese che rientra ufficialmente quest’anno nel mondiale WRC.

QUI LA CLASSIFICA COMPLETA

  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

ALFA ROMEO STELVIO: MARTEDI IL TEST DRIVE DEL PRIMO SUV DI ALFA!

alfa romeo stelvio 2017 8939Dopo aver provato la Giulia motorizzata con il 4 cilindri diesel da 180 cavalli e nella versione Veloce da 210 cavalli diesel, saltiamo nuovamente a bordo di un Alfa Romeo per raccontarvela!

Infatti martedi proveremo l’ultimo arrivata del biscione, il suv Stelvio. Il test drive verrà successivamente pubblicato il lunedi sera successivo al test.

Intanto vi lasciamo con il test della Giulia Veloce intitolato “il primo traverso non si scorda mai” (cliccate QUI)

 

  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

FERRARI 812 SUPERFAST: DA 292 MILA EURO MA…SONO GIA’ STATE TUTTE VENDUTE!

ferrari 812 superfast 2017 393Volevate ordinare la nuova Ferrari 812 Superfast? Peccato! Se ne parla per il 2018. Infatti la produzione 2017 della 812 è stata tutta già venduta…E trattandosi di una Ferrari 12 cilindri, la cosa non stupisce.

Cosa compriamo con un prezzo che parte da 292.000 euro? Compriamo una vettura italiana anzi, compriamo un concetto di vettura…Quello voluto da Enzo Ferrari che ha sempre “gradito” il motore davanti al guidatore e non dietro, sostenendo che:

“un bue trascina il carro, non lo spinge da dietro”

Un concetto perchè la prima Ferrari commerciale montava un 12 cilindri anteriore in cilindrata 1.5 aspirato da 120 cavalli, e parliamo della 125 S e parliamo del 1947.

70 anni dopo la cilindrata è cresciuta a 6.5, i cavalli sono passati da 120 a 800 ma il resto non è cambiato.

La 812 ha sempre due posti secchi come la 125 S. Ha sempre un motore 12 cilindri anteriore aspirato. Ha sempre il medesimo rosso che per l’occasione è stato ricreato.

…Ha sempre il medesimo cavallino rampante che, non me ne vogliano, ma non ha eguali nel mondo.

Il design della 812 riprende e migliora quello della F12 Berlinetta e della F12 TDF, anzi se è possibile è anche più bella, elegante e sportiva grazie alle sue forme morbide, eppure tese e grazie alla coda che è davvero inedita e particolare nella sua conformazione.

Il taglio del posteriore è netto, salvo poi riprendere come fosse spinto da dentro dal vento creando un curioso effetto di movimenti accentuato dai 4 fari (2 per lato) che sembrano voler uscire dalla carrozzeria…Ancora una volta a livello di design Ferrari stupisce.

A proposito della coda, è questo tratto della vettura che da il nome alla 812. Infatti Superfast non si riferisce alla velocità massima (anche se parliamo della Ferrari con motore anteriore più veloce di sempre) ma al taglio della coda che è di tipo “fastback”. Quindi il nome Superfast unisce aspetti prestazionali ed aspetti di design…Persino il nome è quindi geniale e come sempre, nel caso di Ferrari, molto ricercato. Il numero 812 è anch’esso una fusione: 8 sta per la potenza (800 cavalli), 12 per il numero di cilindri.

A proposito del motore 12 cilindri aspirato…La potenza/litro è di 123 cavalli mentre il regime di rotazione supera gli 8.500 giri, un valore elevatissimo per un 6.5 V12 di 90° aspirato. Un valore persino migliore di quello della nuova Porsche 911 GT3 che la casa tedesca ha presentato a Ginevra, il suo 4.0 6 cilindri boxer aspirato è in grado di raggiungere i 9.000 giri, ma ci riesce con 6 cilindri in meno e 2.5 in meno di cubatura.

Possiamo definire il V12 della 812, senza possibilità di essere smentiti, lo stato dell’arte del motorismo per quanto riguarda i propulsori aspirati.

 

 

 

 

  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

DTM: ECCO LA NUOVA AUDI RS5 DTM! (ed alcuni cenni sul DTM)

audi rs5 dtm 2017 3902In occasione del salone di Ginevra in Svizzera Audi ha presentato la nuova RS5 sia in versione stradale, che in versione DTM…Ovviamente è di quest’ultima che andremo a parlare.

Prima di iniziare una doveroso chiarimento tecnico/sportivo per chi conoscesse poco il DTM, quindi il campionato turismo tedesco. Le vetture da corsa non derivano strettamente dalle vetture stradali anzi, possiamo parlare di prototipi puri che con le versione commerciali dividono solo il nome.

La RS5 che possiamo ammirare in foto è al 100% un prototipo creato per competere, sfrutta componenti diverse dalla versione stradale, persino il motore viene creato partendo da zero, per non parlare del telaio che è appositamente studiato per sopportare potenze e stress superiori al modello di serie. Il regolamento DTM per certi versi ricorda quello della NASCAR americana dove le vetture, pur chiamandosi come alcuni modelli di serie, non hanno nessuna attinenza tecnica con la produzione.

Il DTM è, di fatto, un campionato per prototipi “omologati”. Le tre case che vi partecipano, Mercedes, Audi e BMW, sono vincolate da un regolamento molto stretto (che loro stesse hanno creato) che rende le vetture molto simili tra loro sia a livello di estetica, che di prestazioni a tutto vantaggio dello spettacolo.

Le vetture DTM edizione 2017 “perdono” in aerodinamica per favorire i sorpassi e guadagnano grip meccanico grazie alle gomme che, rispetto al 2016, saranno per regolamento più performanti grazie a mescole più morbide.

 

  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  

ALFA ROMEO: GIULIA, DEBUTTO SHOCK NEGLI USA, +840% DI VENDITE NEL 2017!

2017-alfa-romeo-giuliaDebutto a dir poco incredibile quello della Giulia negli USA. La berlina, anzi come la chiamano negli USA, la sedan di Alfa Romeo ha aiutato il marchio ad incrementare di ben 840% le percentuali di vendita rispetto al Febbraio 2016 (tutto questo in attesa della Stelvio che sarà il vero best sellers di Alfa negli USA).

In tutto il 2016 Alfa Romeo ha venduto negli USA 516 auto (essenzialmente 4C ed una manciata di Giulia), ebbene nei primi mesi del del 2017 il brand italiano ha già totalizzato 551 esemplari, con Febbraio che vede l’immatricolazione di ben 443 auto (90% del numero è rappresentato dalla Giulia).

Vale la pena ricordare che la Giulia Quadrifoglio con il cambio manuale è negli USA già un oggetto di culto il cui valore, secondo gli analisti, è destinato a salire sino a diventare tra qualche anno un oggetto da collezione.

In Australia invece hanno già esaurito lo stock di 100 Giulia Quadrifoglio destinate al loro mercato.

APPASSIONATO DI AUTO E DI ALFA ROMEO? SEGUI THERACEMODE.COM TUTTI I GIORNI PER RIMANERE AGGIORNATO SU NOVITA’ ED EVENTI! INSERISCI IL SITO TRA I TUOI PREFERITI!

  •  
  •  
  •  
  • 1
  •  
  •  
  •  
1 2 3 10