TOYOTA INVESTE (TANTO) NELLE BATTERIE ALLO STATO SOLIDO: IONI DI LITIO GIA’ SUPERATI?

Toyota ha diramato un comunicato stampa attraverso il quale fa sapere che investirà 3,4 miliardi di dollari per ricerca, sviluppo e costruzione di batterie allo stato solido negli Stati Uniti con lo scopo di anticipare al 2035 il target di zero emissioni per la mobilità rispetto al 2050. Batterie che saranno principalmente destinate ad equipaggiare le auto negli Stati Uniti.

Toyota ha quindi cambiato idea sul futuro elettrico? Da critica a favorevole? No. Non del tutto almeno. Toyota è il più grande produttore di auto ibride al mondo e la tecnologia dello stato solido può essere usata anche nelle vetture ibride e quelle PHEV Plug-in oltre nelle BEV completamente elettriche. Questo perchè non solo garantisce tempi di ricarica più rapidi, ma anche tempi di scarica minori e una migliore efficienza a lungo termine essendo meno sensibile ai cicli di carica/scarica rispetto alla tecnologia che si basa sugli ioni di litio.

Rispetto alle batterie agli ioni di litio le batterie allo stato solido sono più piccole, più leggere, più sicure dato che non contengono litio allo stato liquido o in gel, necessitano di sistemi di sicurezza più semplici.

Di contro il loro costo è ancora molto elevato e solo una produzione su vasta scale le renderà accessibili.

Inoltre hanno tempi di ricarica nettamente inferiori e valutabili, teoricamente, in 10 minuti per percorrere 500km.

Certo, siamo ancora lontani dal rapporto tempo di rifornimento/autonomia delle auto alimentate e benzina/diesel ma è sicuramente un passo in avanti rispetto alla attuale tecnologia basata sugli ioni di litio che per certi versi è da considerarsi ormai superata.

1 2 3 4 35