DTM: RED BULL PENSA A…FERRARI!

Red Bull nel campionato DTM 2021 avrà un proprio team, questo lo sappiamo, come sappiamo già che i piloti saranno Albon (ex F1 Red Bull) e il giovane Lawson. Quello che non sapevamo era la vettura scelta ora che il DTM ha lasciato il regolamento Class One per abbracciare quello GT3. Secondo alcuni indiscrezioni il brand austriaco sceglierà la Ferrari 488 GT3 e il team AF Corse che “crea” le 488 e supporta tutti i team impegnati con il V8 biturbo nel mondo.

La scelta più logica sarebbe stata Honda dato che Red Bull in F1 usa proprio i motori nipponici. In realtà Honda non ha particolari interessi commerciali nel mercato europeo (punta decisamente di più a quello americano e a quello giapponese) quindi non ha interesse nel supportare la NSX GT3 (che in Europa viene assemblata e curata dalla struttura italiana JAS Motorsport).

Un altra scelta logica sarebbe stata Aston Martin, per anni sponsor e partner di Reb Bull in F1 ma il nuovo proprietario Stroll ha tagliato i fondi per le gare GT per concentrarsi solo sulla F1.

Un Casa italiana manca dal DTM dai tempi della vincente 155 di Alfa Romeo.

NEWS 2021: REB BULL CORRERA’ NEL DTM COME TEAM.

Un altra bella notizia che apre il 2021 per quanto riguarda il motorsport: Reb Bull correrà nel DTM come team. Il colosso delle bevande energetiche, da anni impegnato in tutte le specialità del motorsport e dello sport estremo, correrà nel campionato tedesco non come sponsor come già accaduto in passato (vedi foto) ma con una propria struttura come è “proprio” il pilota più importante del team:

Alex Albon. Esatto proprio l’ex pilota di F1 “fatto fuori” dall’arrivo di Perez dopo una stagione con pochi alti e tanti bassi. Albon, che ha conservato il ruolo di pilota di sviluppo per Red Bull in F1, non disputerà l’intero campionato secondo quanto affermato da Reb Bull Racing ma solo le gare che non lo vedranno impegnato come collaudatore. Il compagno di team di Albon sarà l’appena 18enne neozelandese Lawson la cui carriera è in ascesa (di lui si parla un gran bene).

Quale vettura userà il team Red Bull? Il “capo” di Red Bull Racing Helmut Marko non lo ha specificato. Il DTM, lo ricordiamo per chi non lo sapesse, a partire da questa stagione si correrà con vetture di classe GT3, quindi la scelta è ampia.

Red Bull ha perso lo sponsor / partner Aston Martin ma è rimasto legato a Honda per via dei motori, quindi la vettura potrebbe essere una NSX GT3 oppure la scelta potrebbe essere del tutto slegata e in questo caso la vettura scelta potrebbe la competitiva Audi R8 LMS GT3. Staremo a vedere.

BMW: ADDIO A DTM E FORMULA E. AVANTI CON LA M4 GT3.

BMW Motorsport, attraverso un comunicato ufficiale, ha confermato il ritiro dalla Formula E alla fine della imminente stagione e il ritiro dal DTM, almeno per quanto riguarda il 2021, dopo il cambio regolamentare che BMW, lo si sapeva da tempo, non ha gradito.

Se l’uscita dalla Formula E è strategica (il campionato non è cresciuto come ci si aspettava), l’uscita dal DTM è fortemente politica. Infatti la Casa dell’elica si è opposta al passaggio alle vetture di tipo GT3 nel DTM a partire dal 2021, mentre Audi si è detto favorevole sin da subito. Inoltre l’attuale GT3 di BMW è la ormai vecchia M6, vettura non più aggiornata che a fine 2021 verrà sostituita dalla ben più moderna M4 GT3 quindi la sfida contro l’Audi R8 LMS GT3 (vettura aggiornata e molto competitiva) sarebbe stata impari.

A proposito di M4 GT3. BMW ha confermato che la vettura sarà a disposizione dei team a fine 2021 per scendere in pista nel 2022. Sostituirà, come detto, la vecchia M6 e sarà declinata in base al nuovo regolamento GT3 varato per rendere le vetture meno costose da acquistare e mantenere.

Oltre alla M6 BMW dovrebbe pensionare anche la fallimentare M8 GTE / GTLM che nel WEC non è mai stata competitiva (una sola stagione, un solo podio) Un pochino meglio nell’IMSA americano ma solo perchè aiutata da un BoP piuttosto favorevole. Sul ritiro definitivo della M8 al momento ci sono solo voci, nessuna conferma.

Mentre sul fronte team ufficiali, BMW ha chiuso i rapporti con alcuni team che supportava sia a livello tecnico che economico e punterà, almeno per l’immediato futuro, sui team privati proprio con la M4 GT3 (che dovrebbe essere declinata anche in chiave GT4 per sostituire l’attuale M4 GT4 basata sul vecchio modello).

Non sono segnalate modifiche invece per l’entry level nel mondo delle corse di BMW, la M2. Vettura apprezzatissima da team e piloti privati per le gare amatoriali per via del basso costo d’acquisto e dei bassi costi di esercizio.

Durante le crisi in genere le Case tagliano proprio il motorsport, salvo poi tornare. La presenza nel motorsport delle Case è ciclica e non deve mai far preoccupare.

Marco Meli (Instagram marco_meli_307)

DTM: MERCEDES ANNUNCIA IL (CLAMOROSO) RITIRO PER CORRERE IN FORMULA E!

mercedes dtm 2017Mercedes ha ufficializzato pochi istanti fa una decisione a dir poco clamorosa: la decisione di lasciare il DTM a fine 2018 (campionato che ha rifondato insieme a BMW e Audi) per correre ufficialmente in Formula E a partire dal 2019, la giovane categoria riservata alle vetture elettriche che attira sempre più costruttori (e dove corrono in forma più o meno ufficiale anche Audi e BMW, rivali storiche della Stella a tre punte in pista e sul mercato).

Per gli appassionati di Mercedes, e del motorsport in generale, è un colpo al cuore che tuttavia non deve gettarci nello sconforto, infatti la casa di Stoccarda andrà avanti a correre con la AMG-GT in versione GT3 e non ha intenzione di ritirarsi dalla Formula 1.

 

 

DTM: ECCO LA NUOVA AUDI RS5 DTM! (ed alcuni cenni sul DTM)

audi rs5 dtm 2017 3902In occasione del salone di Ginevra in Svizzera Audi ha presentato la nuova RS5 sia in versione stradale, che in versione DTM…Ovviamente è di quest’ultima che andremo a parlare.

Prima di iniziare una doveroso chiarimento tecnico/sportivo per chi conoscesse poco il DTM, quindi il campionato turismo tedesco. Le vetture da corsa non derivano strettamente dalle vetture stradali anzi, possiamo parlare di prototipi puri che con le versione commerciali dividono solo il nome.

La RS5 che possiamo ammirare in foto è al 100% un prototipo creato per competere, sfrutta componenti diverse dalla versione stradale, persino il motore viene creato partendo da zero, per non parlare del telaio che è appositamente studiato per sopportare potenze e stress superiori al modello di serie. Il regolamento DTM per certi versi ricorda quello della NASCAR americana dove le vetture, pur chiamandosi come alcuni modelli di serie, non hanno nessuna attinenza tecnica con la produzione.

Il DTM è, di fatto, un campionato per prototipi “omologati”. Le tre case che vi partecipano, Mercedes, Audi e BMW, sono vincolate da un regolamento molto stretto (che loro stesse hanno creato) che rende le vetture molto simili tra loro sia a livello di estetica, che di prestazioni a tutto vantaggio dello spettacolo.

Le vetture DTM edizione 2017 “perdono” in aerodinamica per favorire i sorpassi e guadagnano grip meccanico grazie alle gomme che, rispetto al 2016, saranno per regolamento più performanti grazie a mescole più morbide.