NEWS! BMW VERSO LE MANS NEL 2023 NELLA LE MANS HYPERCAR.

Anche BMW si aggiunge alla folta schiera di case che nel 2023 proverà a conquistare la “Le Mans del centenario”. La casa bavarese è solo l’ultima in ordine di tempo a lanciare la propria sfida dopo che Ferrari aveva ufficializzato i propri intenti appena 2 settimane fa. In questo momento anche GM, con il marchio Cadillac, sta progettando la propria vettura.

Tuttavia BMW, al contrario di Ferrari, Peugeot, Glickenhaus e Toyota correrà con una vettura LMDh (Le Mans Daytona hybrid) all’interno della classe LMH Le Mans Hypercar. Che differenze tre le due categorie?

Nel caso della LMH il costruttore ha piena libertà progettuale, quindi può sulla carta avere una vettura superiore, ma deve costruire un numero minimo di esemplari regolarmente omologati per l’uso stradale. Al contrario nella LMDh la casa deve costruire la vettura intorno a 4 telai scelti dalla FIA / ACO e non ha l’obbligo di omologare una vettura stradale. La LMDh costa di meno da un lato, dall’altro ti da meno libertà progettuali. Alla fine LMH e LMDh avranno prestazioni sulla carta simili, la scelta del telaio, dell’aerodinamica e del tipo di motore faranno le differenze in pista.

BMW con la propria LMDh non punta solo a Le Mans ma anche al campionato americano IMSA fondamentale per le strategie di marketing dopo che anche Audi e Porsche hanno dichiarato ufficialmente la propria presenza nella LMDh anche nell’IMSA oltre che nel WEC per il 2023.

Al momento le Case che hanno programmato il proprio impegno nella LMH / LMDh sono Ferrari, Peugeot, Glickenhaus, Toyota, Acura/Honda, Porsche, Audi con BMW e Cadillac in attesa di ufficializzare il proprio impegno. In attesa di conferma Alpine che in questa stagione parteciperà al WEC con una “vecchia” LMP1.

Marco Meli | marco_m_racing_blogger