DANIMARCA: ELETTRICHE VENDONO POCO. IL GOVERNO LE OBBLIGA PER LEGGE. E’ GIUSTO?

I danesi non amano le vetture elettriche. Nel 2017 il popolo della piccola nazione nordica ha immatricolato appena 0,8% di auto elettriche del totale (meno dell’1%…) dimostrando di non gradire questo tipo di motorizzazione per motivi legati ai costi, alle ricariche e alle autonomie.

Nonostante questo flop il Governo danese ha deciso di bandire per il 2035 non solo le vendite di auto a benzina e diesel…Ma pure le ibride. Esatto, avete letto bene.

Al vaglio ci sarebbe un piano per bandire le vendite delle vetture ibride entro 17 anni. A partire dal 2030 le vetture alimentate solamente a diesel e benzina verranno bandite per poi “attaccare” anche le ibride che al contrario sono in piena fase di lancio in tutta Europa?

Perchè bandire anche le ibride e le plug-in che hanno dato valori di autonomia, prestazione ed emissioni molto interessanti?

Il Governo Danese ha spiegato che il piano è vietare a partire dal 2035 la vendita di veicoli che sfruttano anche in minima parte carburante di origine fossile.

A questo punto viene da chiedersi? E’ un regalo ad alcuni costruttori europei di origine tedesca che stanno investendo sul mondo elettrico tralasciando l’ibrido (vero e proprio cavallo di battaglia dell’industria giapponese invece)?

A pensar male…

Non è infatti un segreto che diversi costruttori tedeschi hanno acquistato e stanno acquistando miniere di litio in Africa.

In seconda e ultima battuta:

E’ giusto che un Governo entri nelle scelte personali dei cittadini? Mai nessuno Governo europeo è mai entrato in profondità nelle scelte personali di un cittadino, anzi al contrario ha sempre garantito libertà in merito.

La vettura elettrica va acquistata (a meno che il Governo Danese non le regali, ma ne dubitiamo…), mantenuta, ricaricata ed usata secondo certi parametri stabiliti dalla scarsa autonomia e dai tempi di ricarica.

Diverso è il discorso per la Norvegia dove il Governo, vendendo petrolio (ironico vero?) garantisce cospicui incentivi per l’acquisto della vettura alimentata a batterie.

La Danimarca ha provato il sistema degli incentivi con scarsi risultati (poche centinaia i mezzi immatricolati ad uso privato). Gli incentivi furono così tanto snobbati che il Governo decise di ritirarli infatti.