MOBILITA’: SALTA L’ACCORDO PER IL DIVIETO 2035 PER I MOTORI ENDOTERMICI.

La notizia non arriva certo inaspettata e non ci stupisce, alla Cop26 non si è raggiunto un accordo per vietare la vendita di mezzi spinti da motore endotermici a partire dal 2035.

Il divieto avrebbe riguardato i motori endotermici alimentati da benzina, diesel, metano, GPL. Incredibilmente il divieto sarebbe stato esteso alle vetture plug-in e anche alle sempre più moderne e meno inquinanti vetture ibride.

La proposta aveva suscitato perplessità da ogni parte del mondo, dagli USA alla Cina passando per l’Europa il Giappone con alcune case che si erano mostrate assolutamente contrarie, in primis il più grande produttore di veicoli al mondo: Toyota.

Alla Cop26 la proposta non è stata sottoscritta principalmente da USA e Cina (una volta tanto in accordo su qualcosa), ma anche da Italia e Germania il cui PIL è fortemente influenzato dal settore automotive.

Il settore è profondamente diviso:

a favore del “No” Toyota e il gruppo VW che comprende anche Porsche, Audi, Lamborghini, Bentley, Seat, Cupra. BMW (che ha già fatto sapere che andrà avanti con il motore endotermico benzina/diesel nei giorni scorsi), il gruppo Stellantis che comprende Peugeot, DS, Citroen, FIAT, Lancia, Alfa Romeo, Maserati. Honda, Nissan e Hyundai.

a favore del “Si” Volvo, Mercedes, Ford e General Motors.

Da notare che il “No” comprende le due case più grandi al mondo per numero dipendenti, fatturato e veicoli venduti: VW e Toyota nonchè il Gruppo Stellantis, ovvero il terzo per veicoli e fatturato.

Il “Si” comprende invece case di “minoranza” che però sono molto potenti negli USA: Ford e GM. USA che, lo ricordiamo, non hanno firmato.

Perchè non si è arrivati a un accordo sulla data del 2035? Il problema reale (e concreto) è che le auto elettriche non si vendono a livello globale. Certo i numeri sono in aumento ma ben sotto le stime degli analisti delle case.

Si arriverà a un accordo? Probabilmente la data verrà spostata al 2040 ma su altre basi.

Per esempio l’accordo attuale prevedeva anche il divieto di usare i carburanti sintetici ricavati da energie rinnovabili

Il che era tecnicamente un paradosso che ci porta a una domanda:

perchè vietare una vettura a impatto zero solo perchè dotata di motore endotermico?

Nel divieto entravano anche le vetture endotermiche alimentate a idrogeno, un altro paradosso.