GT3: LA GIULIA QUADRIFOGLIO POTREBBE CORRERE DAL 2022!

La FIA in questi giorni sta “costruendo” il regolamento che andrà a strutturare la classe GT3 a partire dal 2022, gli obbiettivi sono due: omologare più tipologie di vetture in modo da attirare nuovi costruttori e abbassare i costi che in questi ultimi anni erano diventati altissimi.

Il nuovo regolamento aprirà alle vetture a 4 porte dotate di trazione posteriore (obbligatoria per regolamento insieme ai cerchi da 18 pollici) aprendo, di fatto, alle super berline come la Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio e non solo il modello del Biscione.

Mentre BMW ha già fatto sapere di essere a lavoro su una nuova M4 GT3 che deriverà dalla prossima M4 (il motore 6 cilindri in linea sarà salvo!) per il 2022, possiamo ipotizzare che il noto preparatore Romeo Ferraris, dopo aver creato la Giulietta TCR, potrebbe mettersi a lavoro per declinare in chiave GT3 la Giulia. Stiamo sognando? Forse no.

Se la FIA autorizza la configurazione a 4 porte allora Romeo Ferraris potrebbe (volendo) davvero creare una versione GT3 da vendere ai team seguendo l’esempio di Aston Martin Racing AMR.

AMR “crea”, gestisce e vende le vetture GTE, GT3 e GT4 per il marchio britannico pur essendo una realtà separata da Aston Martin, di fatto è il reparto corse di Aston ma non appartiene alla Casa inglese.

Romeo Ferrari potrebbe diventare il reparto corse di Alfa Romeo? Una bella suggestione che dipende da…Alfa Romeo, quindi da FCA. Infatti solo le vetture in vendita possono essere convertite con l’uscita di scena della Giulietta, ormai imminente, la Giulietta TCR che corre nel WTCR avrà vita breve (quando scadrà la sua omologazione, salvo deroghe, potrebbe finire la sua vita agonistica).

Il matrimonio con PSA, gruppo da sempre presente nelle corse, potrebbe aiutare Alfa Romeo…Staremo a vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *