MCLAREN SENNA GTR – CREA L’AGGETTIVO ESTREMISSIMO.

In italiano non è corretto dire estremissimo. Questo aggettivo però fa al caso nostro per la McLaren Senna GTR, variante pronto-pista della Senna che non ha rivali fra le altre vetture della casa inglese, nemmeno fra quelle che partecipano ai campionati GT3, soltanto la monoposto di Formula 1 è più veloce fra i cordoli di questo nuovo “missile”, presentato ora in veste definitiva dopo il prototipo del 2018.

La Senna GTR nasce a partire dalla McLaren Senna e ha lo stesso motore V8 biturbo da 4.0 litri, potenziato però da 800 a 825 CV, complice l’utilizzo di un rinnovato sistema di scarico che è privo del secondo catalizzatore e ha i terminali nella parte posteriore sotto l’alettone, anziché davanti alle ruote posteriori

A cambiare fra le Senna e Senna GTR è l’aerodinamica, perché la variante da corsa è in grado di generare 1000 Kg alla velocità di 250 km/h, 200 in più rispetto la Senna. Questo significa che la Senna GTR diventa ancora più stabile nei rettilinei e nelle curve ad alta velocità, dove la pressione dell’aria schiaccia l’auto al suolo e migliora la precisione di guida, equipaggiata di un sistema DRS che permette di andare più forte sul dritto e di schiacciare la vettura a terra in curva.

La nuova McLaren Senna GTR ha tantissime componenti in fibra di carbonio con la scocca di dimensioni maggiorate rispetto alla Senna. Nonostante l’aumento di dimensioni, la presenza dell’estintore, del sistema di telemteria per raccogliere i dati in pista e della radio per comunicare con i box, pesa 10 kg in meno rispetto alla sorella, per un totale di 1.188 kili. I cerchi, chiusi da un mono-dado racing, sono da 19” con gomma Pirelli slick e nascondono grossi dischi carboceramici morsi da pinze a 6 pistoncini.

L’interno è allestito in funzione della guida in pista, perché non ha il sistema multimediale e guadagna un nuovo volante multi-funzione dove integra i comandi per il launch control, il mantenitore di velocità per la corsia dei box ed i controlli per la guida su asfalto umido. Il sedile del passeggero va ordinato a richiesta, ma nel prezzo è compreso il climatizzatore. La Senna GTR è dotata inoltre dell’ ABS, del controllo di trazione e dell’ ESP, dotazioni magari indigeste per i piloti più smaliziati ma indispensabili per quelli meno esperti.

Solamente 75 gli esemplari che verranno prodotti della McLaren Senna GTR: siete interessati all’acquisto? Peccato… sono già state tutte vendute: il prezzo era di 1,28 milioni di euro, tasse escluse!

Articolo scritto da Davide Coppola.