VETTEL INGIUSTIFICABILE A MONZA, ERRORE CHE POTEVA INNESCARE UN BRUTTO INCIDENTE.

Ho sempre difeso Vettel, ma dico sempre, anche quando tutti gli davano addosso ma adesso è arrivato il momento di guardare in faccia la realtà: Seb dal GP di Germania del passato anno, quando andò a sbattere sulla pista appena umida tutto da solo con Hamilton in rimonta ma ancora lontano, non è più lui. Il tedesco, 4 titoli iridati meritati, ha perso la freddezza, quella freddezza che gli ha permesso di vincere un titolo all’ultima gara contro Alonso in Ferrari.

Dal GP di Germania 2018 tantissimi errori gratuiti in gara, tanti errori in prova, indecisione nei sorpassi, totale incapacità di difendere la posizione e, a mio parere, Leclerc non ha nulla a che fare con la sua crisi che è iniziata ben prima dell’arrivo del fortissimo compagno di team.

In Canada quest’anno Seb, dopo una gara fantastica, ha buttato via una vittoria sbagliando perchè pressato da Hamilton in quel contestatissimo episodio che lo ha visto penalizzato di 5 secondi. La penalità è stata vergognosa e su questo non si discute, ma l’errore è stato suo.

A Spa il tedesco causa cattiva gestione, ha letteralmente mangiato le gomme nuove, le gialle. Perdendo ogni possibilità di lotta per la vittoria.

A Monza però Vettel ha dato il peggio di se. Durante la ripartenza della Q3 perde il momento e rimane bloccato nel traffico. Si accuserà Leclerc di aver fatto il “furbo” ma non sono in accordo, Seb doveva andare avanti a tirare, anche da solo. In gara parte male e si ritrova dopo poche curve addirittura 5° dietro la Renault di Ricciardo, superato l’ex compagno di team in Red Bull, nonostante il motorone Ferrari, non riesce a tenere il passo delle Mercedes mentre li davanti Leclerc controlla Hamilton che fa una gran fatica a entrare in zona DRS.

Al 7° giro il disastro. Perde da solo il posteriore in ingresso Ascari, si gira e poi rientra in pista mentre sopraggiungono i rivali che lo seguivano, la manovra è già di per se molto rischiosa ma diventa incosciente quando da gas pur vedendo arrivare Stroll, l’impatto è inevitabile e spedisce il canadese fuori pista ma poteva andare molto peggio. Seb poteva essere colpito nella parte anteriore della scocca li dove sono posizionate le gambe, poteva fare da trampolino di lancio per la Racing Point spedendo Lance più avanti, potevano farsi male tutti e due seriamente.

Da Vettel non mi aspetto un errore del genere, una manovra del genere la capisco (ma non la giustifico) da Stroll che infatti pochi secondi dopo la farà colpendo una Toro Rosso. Perchè da Seb non mi aspetto questo?

Perchè l’esperienza ti dovrebbe portare a saper gestire i momenti complicanti e invece il veterano sembra Leclerc (al suo secondo anno in F1) e il debuttante sembra Vettel (che ha ben 4 titoli iridati…). Quello che Seb ha combinato è frutto della mancanza di concentrazione, a volte il tedesco in gara “sparisce” mentalmente per ritrovarsi girato da qualche parte.

Il talento del ferrarista non si discute ma manca la serenità per guidare in maniera serena. Forse un cambio di team gli farebbe bene. Leclerc tra non molto diventerà una presenza invadente e Mick Schumacher già prova le Ferrari stradali come faceva suo padre…

di Marco M TheRaceMode (Instagram).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *