I GIOVANI FANNO SEMPRE ARRABBIARE I “VECCHI”.

Da che mondo è il mondo, da quando esiste l’umanità i giovani hanno sempre fatto arrabbiare i “vecchi” con la loro arroganza, esuberanza, sfacciataggine, maleducazione, aggressività…Accade ai giovani leoni che sfidano gli anziani, accade alle giovani scimmie che vogliono sfidare il più esperto per far bella mostra di se davanti alle femmine, accade tra gli uomini con i figli che vogliono superare i genitori. Questo tipo di approccio garantisce il miglioramento della specie generazione dopo generazione ed è necessario.

Il motorsport non fa eccezione anzi, amplifica questo fenomeno che possiamo chiamare “scontro generazionale”.

Mi ricordo bene quando un allora giovane Micheal Schumacher su Benetton fece incazzare a morte il già affermato Ayrton Senna su McLaren e ricordo bene anche le reazioni dei tifosi che criticavano il tedesco dicendo che non sarebbe diventato mai nessuno e che doveva mostrare rispetto…Il grande Schumi e il grande Ayrton hanno dato tanto a questo sport ed è stato un peccato, davvero un peccato, non vederli duellare di più…

Ricordo bene Valentino Rossi sfidare apertamente Max Biaggi, ben più affermato di lui e ben più conosciuto. Quanta arroganza (giusta e necessaria) da parte di Valentino che qualche anno dopo troverà sulla sua strada un altro arrogante, strafottente ed egoista come lui, un tale di nome Marc Marquez e, come ben, sappiamo i due non sono più amici come un tempo…

Che dire di Max Verstappen che ha fatto incazzare a turno un tutti. Talento immenso l’olandese, doti di guida fuori dal comune, ma anche una gran testa calda e un aggressività in pista tipica dei giovani. I suoi rapporti con Vettel e Raikkonen non sono stati facili.

Hamilton si è lamentato di Leclerc che lo chiude a sinistra in ingresso variante Ascari, una manovra dura, anzi durissima ma necessaria per difendere la posizione di uno che in auto sa andare, ma sa andar per sul serio…Lewis si è lamentato ma…

…Vi ricordate di quando un allora giovane Hamilton arrivò in McLaren e si permise di battere Alonso suo compagno di team? Lewis passò la stagione a fregarsene di ogni tipo di ordine di scuderia e per poco non vinse il titolo…Anzi si può dire che lo perse lui.

Tra qualche anno un giovane pilota di kart che oggi ha 5 anni farà incazzare Leclerc…

E Charles lo criticherà, a perdere non ci sta nessuno…E ci mancherebbe!

Marco Meli | Marco M TheRaceMode (Instagram).