F1, TECNICA: LOTUS 49 (1967): LA FORMULA 1 CAMBIA PER SEMPRE.

Pochi uomini hanno cambiato la F1 e la tecnica del motorsport come l’ingegnere inglese Colin Chapman, un vero visionario al quale dobbiamo la creazione del team Lotus e di Lotus Cars, decine di innovazione aerodinamiche, la più importante è sicuramente l’effetto suolo, i telai monoscoscocca e…Il motore dietro il pilota in posizione centrale come parte strutturale.

La Lotus 49 del 1967, motorizzata da un 3.0 V8 90°Cosworth (potenza circa 400 cavalli)., Chapman non lo sa ancora (ma lo intuisce) è destinata a cambiare il mondo della F1 perchè per la prima volta il motore finisce dietro il pilota a tutto vantaggio della guida e dell’aerodinamica.

I piloti Graham Hill e Jim Clark trovano la vettura facile da condurre in curva e molto maneggevole, gli unici problemi arrivano in realtà dall’erogazione del motore, un pochino troppo appuntita. Il cambio fa da supporto alle sospensioni posteriori e il motore, di fatto, è parte integrante della vettura. Da allora le auto in F1 hanno seguito questo schema che è stato poi “copiato” anche in altre categorie riservate ai prototipi.

La 49 chiuse la carriera vincendo ben 12 Gran Premi, 1 titolo piloti (Hill) e un 1 titolo costruttori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *